Attenzione

Entro il 31 ottobre 2013, Vdr contro il superamento dei valori Cem

FaceBook  Twitter  
Pubblicato Martedì, 22 Ottobre 2013 20:08
Visite: 1326

Tutte le realtà operative la cui attività viene svolta in presenza di sorgenti di campo elettromagnetico sono tenute al rispetto della specifica normativa:

L’articolo 181 del TU, anche tramite il richiamo al più generale articolo 28 (Oggetto della valutazione dei rischi), richiede esplicitamente al datore di lavoro la valutazione relativa a tutti gli agenti fisici.

In relazione alla valutazione del rischio diretto di esposizione a campi elettromagnetici,la norma tecnica CEI EN 50499/2009 contiene un elenco non esaustivo di apparecchiature che possono produrre livelli superiori ai valori di azione e riguardano le attività di seguito descritte.

 

Se invece a dover essere valutato è il rischio indiretto, occorre tenere conto “dell’insieme dei dispositivi presenti in un certo ambiente; della loro concentrazione spaziale; degli effetti su altri dispositivi di sicurezza presenti. Tant’è che ne possono essere interessati tutti i più diffusi dispositivi alimentati da corrente elettrica (cellulari, cordless, stampanti, scanner…).

* Il 14 giugno 2011 la Commissione europea ha adottato la proposta di nuova direttiva che sostituisce la direttiva 2004/40/CE. Lo scopo della nuova direttiva è di garantire sia un livello elevato di protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori, sia la continuità e lo sviluppo delle attività mediche e industriali che prevedono l’utilizzo dei campi elettromagnetici. Di conseguenza, anticipando l’adozione della nuova direttiva al 30 aprile 2012, la maggioranza degli Stati membri non ha recepito la direttiva 2004/40/CE… Di conseguenza, è opportuno posticipare il termine del 30 aprile 2012. … Articolo 1. All’articolo 13, paragrafo 1, della direttiva 2004/40/CE la data «30 aprile 2012» è sostituita da quella del «31 ottobre 2013».(estratto dalla Direttiva 2012/11/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 aprile 2012 che modifica la direttiva 2004/40/CE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici) (18° direttiva particolare ai sensi dell’art 16, par. 1, della Direttiva 89/391/CEE).

** Il campo di applicazione del Capo IV del Titolo VIII del TU 81/08 prende in considerazione, nello specifico:

“Un parametro molto importante che caratterizza i campi elettromagnetici, connesso alla loro rapidità di oscillazione, è la frequenza, che si misura in hertz (Hz), dove 1 Hz corrisponde a un’oscillazione al secondo. Sulla base della frequenza di oscillazione si distinguono i campi elettrici e magnetici statici (che non oscillano affatto, 0 Hz), i campi elettrici e magnetici a frequenze estremamente basse (che comprendono la frequenza di 50 Hz con cui è distribuita l’energia elettrica nelle nostre case, ma più in generale si riferiscono alle frequenze che non superano i 300 Hz), i campi elettromagnetici afrequenza intermedia (tra 300 Hz e 10 MHz, dove 1 MHz corrisponde a un milione di hertz), i campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde (10 MHz – 300 GHz, dove 1 GHz corrisponde a un miliardo di hertz)” (Istituto Superiore della Sanità).